La parte bassa dei frutti

Articolo di redazione: a cura di Alessandra Saltalippi

La parte più bassa dei frutti è la parte più dolce. Mentre il frutto è ancora appeso al suo albero, gli zuccheri tendono a scendere verso il basso perché maggiormente densi.

Come se la natura volesse tentare il passante protendendo verso di lui la parte migliore di sé, la parte più profumata e più gustosa del frutto è proprio quella che vediamo passando sotto all’ albero.

Così, addentando una mela al parco, una pesca in piedi protesi sopra al lavandino per non sgocciolare a terra, o un ananas in spiaggia… ci renderemo conto della diversità di gusto tra la parte più alta e quella più bassa.

Sembra dunque che la natura allestisca delle vere e proprie bancarelle mettendo in mostra ciò che più possa tentare lo sguardo e l’olfatto del curioso cliente. Ingannandolo magari a volte con frutti insapori che celano bene la loro parte peggiore.

La povera Eva, dunque, sembrerebbe essere stata niente di meno che la prima vittima delle dinamiche del marketing.

Questa tendenza a nascondere le falle e promuovere solo gli aspetti migliori sembra dunque appartenere non solo alle lobby mondiali multimilionarie, bensì alla cosa più semplice e meno artefatta per definizione ‘la natura’. Non possiamo, perciò, stupirci che appartenga all’essere più evoluto (e dunque più artefatto) presente sulla terra: l’uomo.

Alessandra Saltalippi

Foto di Tracy Lundgren da Pixabay

Seguici sul nostro Canale Telegram:

https://t.me/LaVolpeMagazine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...